Bonus fiscali anno 2024: quali sono e tutto ciò che devi sapere

Rispetto ai bonus fiscali, per l’anno 2024 rimangono in vigore le disposizioni previste della legge di bilancio 2022, in quanto la legge di bilancio 2024 non ha previsto alcuna proroga per il superbonus 110% che infatti viene ridotto al 70%.

Viene stabilito che il regime fiscale opzionale della cedolare secca al 21% per le locazioni brevi è riconosciuto solo quando la destinazione alla locazione breve riguarda non più di quattro appartamenti per ciascun periodo di imposta. Infatti, se il numero delle locazioni brevi è da cinque in su si provvede con la tassazione Irpef marginale (cioè quella più elevata prevista per ciascun reddito), calcolata sul 95% dei canoni.

 

Tutti i bonus fiscali 2024

 

SUPERBONUS

Spetta a condomini e alle persone fisiche proprietari di edifici composti da due a quattro unità immobiliari distintamente accatastate.
Detrazione del 70% (65% per il 2025) in 4 quote annuali di pari importo
Massimali di spesa: variano in base al singolo intervento
Per poter accedere al bonus è necessario svolgere almeno uno degli interventi trainanti, ovvero: interventi di isolamento termico degli involucri, sostituzione impianti di climatizzazione invernale e interventi antisismici.
A questi si possono aggiungere gli interventi trainati, ovvero: interventi di efficientamento energetico, impianti fotovoltaici e sistemi di accumulo, colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici.
 

BONUS BARRIERE ARCHITETTONICHE

Detrazione del 75% in 5 quote annuali di pari importo

Massimale di spesa: € 50.000 per unifamiliari, € 40.000 (da moltiplicare per il numero di unità immobiliari) per edifici composti da 2 a 8 unità immobiliari, € 30.000 (da moltiplicare per il numero di unità immobiliari) per edifici composti da più di 8 unità immobiliari.
Rientrano nell’agevolazione ad esempio le spese sostenute per: rampe, ascensori, montacarichi, piattaforme elevatrici.
 

BONUS RISTRUTTURAZIONE

Detrazione del 50% in 10 quote annuali (detrazione massima € 48.000,00)
Massimale spesa di € 96.000,00 per unità immobiliare
Rientrano le spese sostenute per i lavori di ristrutturazione o manutenzione straordinaria degli edifici residenziali.
 

BONUS MOBILI

Detrazione del 50% in 10 quote annuali (detrazione massima € 2.500,00)
Massimale spesa di € 5.000,00
Rientrano le spese sostenute per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione.
Il pagamento delle fatture deve essere effettuato con bonifico o carta di credito
 

ECOBONUS

Detrazione variabile dal 50% al 85% in 10 quote annuali

Massimali di spesa: variano in base al singolo intervento
Rientrano gli interventi che aumentano il livello di efficienza energetica di edifici già esistenti, come ad esempio l’acquisto e posa in opera di finestre e infissi, di schermature solari e di impianti di climatizzazione invernale.
 

SISMABONUS

Detrazione: 70% se si diminuisce di una classe di rischio, 80% se si diminuisce di due classi di rischio. Tale detrazione va ripartita in 5 quote annuali.Massimale di spesa: € 96.000,00
Rientrano gli interventi che determinano una riduzione del rischio sismico
 

BONUS VERDE

Detrazione del 36% in 10 quote annuali (detrazione massima € 1.800,00)
Massimale spesa di € 5.000,00 per unità immobiliare a uso abitativo
Rientrano le spese sostenute per la sistemazione del verde, impianti di irrigazione, realizzazione pozzi e realizzazione giardini
Il pagamento deve essere fatto con mezzi tracciabili

Contattaci per maggiori informazioni su come aderire ai bonus fiscali 2024.

Potrebbe interessarti

Il modello 730

Il regime forfettario: cos’è, requisiti e limiti

Cos’è l’IRPEF e le nuove aliquote a partire dal 2024

Il commercialista: di cosa si occupa e come sceglierlo

Bonus fiscali anno 2024: quali sono e tutto ciò che devi sapere

Affitti brevi e affitti turistici: Cosa cambia dal 2024